le feste di natale

Le feste di Natale

Le feste di Natale. Qual è il significato delle feste di Natale? Scopriamolo insieme. Per milioni di persone, le festività natalizie sono un’opportunità per entrare in contatto con la famiglia e gli amici e rafforzare i legami emotivi. Per molti altri, questa è un’opportunità per riflettere sulla nascita di Gesù Cristo e sul suo ruolo nella salvezza dell’umanità.

Le feste di Natale in Russia

Le feste di Natale

In Russia, a differenza di molti altri paesi, le persone non sono sempre libere di festeggiare il Natale. Per secoli, i cristiani ortodossi russi hanno celebrato pubblicamente il Natale, ma la maggior parte del 20° secolo non è stato autorizzato a farlo. Perché è avvenuto questo cambiamento?

Nel 1935 si verificò un grande cambiamento nel modo in cui i russi celebrano le vacanze. I sovietici restaurarono Babbo Natale, l’albero di Natale e la festa di Capodanno, con un’importante differenza. Nonno Frost si disse che avrebbe portato regali per il nuovo anno e non per Natale. Allo stesso modo, non sarà più un albero di Capodanno, ma un albero di Capodanno! Pertanto, nell’URSS si sono verificati notevoli cambiamenti. La festa di Capodanno ha quasi sostituito la festa di Natale.

Nel 1991 l’Unione Sovietica ha cessato di esistere e ha guadagnato più libertà. La politica atea dello stato è sparita. Emersero vari stati sovrani, principalmente laici e che separavano la chiesa dallo stato. Molte persone religiose credevano di poter vivere secondo le proprie convinzioni. Pensavano che un modo per farlo fosse celebrare la festa religiosa del Natale. Ma presto molti di loro rimasero molto delusi. perché?
Con il passare degli anni, il festival diventa sempre più consumistico.

Come in Occidente, il periodo natalizio è diventato uno dei modi migliori per fare soldi per produttori, grossisti e rivenditori. Le vetrine dei negozi sono piene di decorazioni natalizie. Il negozio suona musica natalizia e canti occidentali finora sconosciuti in Russia.

Le feste di Natale in Occidente

Le feste di Natale

I primi segni dell’esistenza della Festa della Natività, celebrata il 25 dicembre in Occidente, risalgono alla prima metà del IV secolo. Questa festa fu celebrata a Roma e passò subito nel resto d’Italia, forse Spagna e Africa (escluso l’Egitto), ricordando il culto dei Magi da parte del genocidio dello stesso giorno. casto. La Chiesa, appena uscita dall’epoca della persecuzione, deve aver sentito il bisogno di ricordare sia la nascita di Gesù in questo mondo sia il suo immediato rifiuto. La data del 25 dicembre può variare a seconda della festa pagana del solstizio d’inverno iniziata esattamente nella notte tra il 24 e il 25 dicembre.

Per circa un secolo quest’ultimo acquistò fama a Roma attraverso la diffusione e talvolta formalizzazione del culto persiano di Mitra, identificato con il sole, ed emerse un nuovo culto della personalità dell’imperatore. Era una festa di Natale non vinta. , il sole nascente ricomincia a crescere dopo che le giornate invernali diminuiscono. Pertanto, Cristo è stato annunciato come il vero Sole di Giustizia, nato nel mondo come simbolo ben compreso da coloro che hanno plasmato questa cultura.

Feste di Natale in Occidente

Le feste di Natale

Il teologo e filosofo cristiano Clemente Alessandrino fa riferimento alla tradizione che esisteva in Palestina e in Egitto durante la sua vita all’inizio del III secolo, cioè circa un secolo prima della prima testimonianza del 25 dicembre in Occidente. Fissò la data della nascita di Gesù il 20 maggio. Altre notizie dalla Palestina o dall’Egitto citano i fuggitivi in ​​Egitto in questa data e ricordi del massacro di innocenti. memoria elettrica? Ora, due secoli dopo l’attestazione di Clemente Alessandrino, tutte le tracce della memoria del 20 maggio sembrano scomparse, ma di quel periodo restano talvolta le relative memorie sopra citate. Il compleanno di Gesù era ormai il 6 gennaio, festa dell’Epifania in tutto l’Oriente.

Le feste di Natale

Così siamo arrivati ​​il ​​6 gennaio, seconda grande data di questa festa liturgica. L’origine della data è sconosciuta. Il nome “teofania” indica l’origine orientale. Termine greco che significa “apparenza”. manifestazione di cosa? Questa festa è già nota nella regione della Siria nella seconda metà del 3° secolo, e l’apparizione del corpo di Gesù in Palestina e in Egitto alla fine del 4° secolo, cioè la sua nascita e il culto dei Magi. Il battesimo di Gesù fu commemorato anche in Egitto e forse in Siria e, a volte, antichi rituali pagani venivano trasferiti nell’acqua per compiere miracoli a Cana.

Qui puoi trovare GIF e Cartoline per Natale: https://www.pinterest.it/pin/2322237298422100/

Ti potrebbe interessare anche: Le mie feste di Natale in famiglia

Veronica Balzano Mi definisco una Content Creator e negli anni ho avuto modo di mettermi alla prova consolidando le mie abilità e conoscenze nel mondo della scrittura creativa, mio settore prediletto.
Exit mobile version