Vigilia di Natale: come trascorrere il 24 Dicembre

Vigilia di Natale. La vigilia di Natale è senza dubbio uno dei giorni festivi più sentiti ed elettrizzanti di sempre. Si tratta del giorno prima delle celebrazioni di Natale.

In questo periodo dell’anno, le giornate cominciano a diventare più corte e più scure. Le foglie sono ormai cadute dai rami in preparazione per i loro nuovi cappotti – è davvero un evento emozionante!

La gente si riempie di gioia quando riconosce che la vigilia di Natale sarà presto su di loro….
L’attesa cresce prima di sapere cosa sia successo, perché tutto ciò che riguarda questo giorno grida “gioioso” È difficile non lasciarsi trascinare dalla sua magia quando si considerano tutte queste cose: come gli alberi splendidamente decorati possono illuminare anche la stanza più buia; i canti di Natale che suonano dagli altoparlanti fuori dalle case mentre le famiglie cenano insieme… come ci si sente al caldo dopo essere stati bloccati dentro tutto dicembre aspettando la neve e vedendo invece palline di nevischio.

Un’intera giornata dedicata alle ultime compere caratterizzata da un’atmosfera di fervore ed eccitazione. Il 24 dicembre è l’ultimo giorno per poter acquistare regali e mettersi all’opera per l’organizzazione di feste e celebrazioni.

Generalmente i giorni successivi gli esercizi commerciali chiudono fino al 27 dicembre, per questo motivo sarebbe bene organizzarsi in modo da avere tutto pronto e ben predisposto per quella specifica data.

Ma come trascorrere il 24 dicembre? Vediamo quali sono le tradizioni più in voga.

Allora qual è il modo migliore per passare la mattina di Natale? Un’idea che è in giro dal 1825 e che va ancora forte, anche in questo giorno di lavori ad alto stress con lunghi spostamenti, è quella di sedersi con la famiglia per una cena alla vecchia maniera.

Non c’è bisogno di essere fantasiosi o di qualcosa di troppo elaborato; basta prendere qualsiasi ingrediente sia a portata di mano quando la gente arriva, così ognuno può contribuire con qualcosa che ha fatto da solo invece di comprare cibi preconfezionati nei negozi al dettaglio! Questa tradizione si presta bene anche a condividere tradizioni speciali durante queste feste, condividendo canzoni sulla nascita di Gesù, come Silent Night, scritta originariamente da Joseph Mohr nel 1800 in Germania.

C’è chi resta a casa per provvedere alle ultime preparazioni prima del grande cenone pre-natalizio e c’è chi invece è in giro per negozi per l’acquisto degli ultimi regali. Gli amanti della movida invece non possono fare a meno di trascorrere questa giornata in compagnia dei propri amici in giro per bar a brindare ai giorni di festa.

In qualsiasi città, durante questo giorno si respira la stessa atmosfera. L’eccitazione per la nuova festività è sempre più forte.

Vigilia di Natale: le mamme in cucina

Il cenone della Vigilia di Natale è molto impegnativo richiede tante ore di preparazione.

L’attesa per la cena della vigilia di Natale cresce mentre aspetti di vedere quale intruglio culinario ha cucinato tua madre quest’anno. È sempre una sfida sapere quanto tempo e impegno ci vuole per preparare un pasto così elaborato, ma varrà ogni secondo quando si siederà con tutti e cinque al suo tavolo dopo aver acceso due candele!

Nella maggior parte delle regioni della nostra penisola italiana è possibile assistere a lunghe giornate di preparazione culinaria.

In molte parti d’Italia, si passa una lunga giornata a cucinare per la cena di Natale. Inizia alle 8 del mattino e può durare fino a tarda sera quando tutti gli ingredienti sono stati preparati in un processo intricato che richiede ore per completare correttamente ogni piatto!

All’interno di molte cucine si mescolano odori e sapori tipici della tradizione gastronomica natalizia italiana. Ricette a base di pesce sono il must del cenone della vigilia. Nella maggior parte dei casi le donne trascorrono l’intera mattinata, nonché il pomeriggio ai fornelli e successivamente si danno da fare con gli ultimi preparativi e le ultime organizzazioni.

E i giovani fuori a brindare…

Se le mamme e le nonne sono in casa alle prese con gli ultimi preparativi, i giovani sono in giro a brindare. In molte città italiane, il giorno del 24 Dicembre è vissuto come un momento di riunione durante il quale è possibile scendere in strada ben vestiti e brindare con i propri amici.

Il 24 dicembre è un giorno per celebrare il passato e guardare avanti. Un momento per la famiglia, gli amici e tutti coloro che danno valore alla tradizione nella vita!

L’antica usanza di festeggiare la vigilia di Natale è stata adottata dai cristiani per poter commemorare la nascita di Gesù a mezzanotte secondo i rituali ebraici che risalgono a 2000 anni prima dell’inizio della sua missione; questo accadeva anche quando la gente aspettava con ansia la preghiera del mattino (innovata soprannaturale) che inizia dopo il tramonto tra il 25 e il 26 dicembre.

In questo giorno i bar sono gremiti di persone che brindano alle feste natalizie, si scambiano doni di Natale e si abbracciano. Si tratta di un momento in cui è possibile incontrare chi non si vede da molto, un giorno speciale da condividere con chi si ama.

Il cenone della Vigilia di Natale

All’imbrunire tutti ritornano nelle proprie case e si dedicano alla famiglia. Ecco che parenti e amici ci riuniscono a tavola e iniziano il tradizionale cenone della vigilia. Fiumi di cibi tradizionali, buon vino e brindisi a iosa per celebrare l’inizio delle festività natalizie.

Con lo scoccare della mezzanotte si brinda e si festeggia e, in molte case è possibile assistere alla tradizione di scartare i regali di Natale racconti intorno all’albero di Natale. Momenti di gioia condivisi in questo momento dell’anno che riempiono il cuore di chiunque.

Post cenone

Alcuni scelgono di proseguire con i festeggiamenti con una nottata di puro divertimento festeggiando in discoteca. In molti casi vengono organizzati dei party dove è possibile continuare a brindare sino al giorno seguente.

Chi invece preferisce momenti più tranquilli sceglie di riunirsi con i propri amici all’interno di una casa e trascorrere una notte giocando a carte e tombola. Queste sono tradizioni tipiche del sud Italia, dove la tombola è un gioco davvero in voga tra grandi e piccini.

E voi come festeggiate la vostra Vigilia di Natale?

Ti potrebbe interessare anche: Menu di Natale: alcune tradizioni culinarie italiane