Tradizioni natalizie italiane: ecco le 3 più famose

Tradizioni natalizie italiane. Il Natale porta con sé una serie di tradizioni tipiche di vari paesi.

La celebrazione del Natale è universale per tutte le culture, con la differenza più notevole che viene dalle tradizioni di ogni paese. Conosciamo quali sono le tradizioni natalizie italiane più amate di sempre!
La tradizione americana include andare in città la vigilia di Natale e cantare canzoni per riscaldarsi prima di un grande pasto con i membri della famiglia, mentre un’altra tradizione comune è quella di fare regali che esiste almeno dal 1447, quando fu menzionata da John Spinney nel suo libro “An Homly trouth or Wyse Man” I giapponesi celebrano anche feste invernali tra cui Tanabata (una festa di stelle cadenti) dove i partecipanti scrivono desideri su pezzi di carta senza piegarli e poi li attaccano.

Il caso italiano è quello a cui siamo sicuramente più affezionati. Cibi deliziosi e usanze tipiche definiscono senza dubbio al meglio il modo di vivere le festività natalizie in Italia. Ecco a voi le tradizioni natalizie italiane più amate di sempre!

Tradizioni natalizie italiane

Il Natale è una festività sentita ovunque e ogni luogo è noto per diversi modi di celebrare questi speciali giorni. Il popolo italiano ama festeggiare durante la stagione invernale. Ci sono molte tradizioni natalizie che hanno e una di queste è banchettare con ravioli ripieni di Prosciutto di San Daniele (o qualsiasi altro piatto di carne tu preferisca).

Questa prelibatezza è stata creata per un pasto sancito dalla chiesa nel 1860, quando ha sostituito la spalla di cinghiale come parte del menu tradizionale, dopo essere stata troppo grassa per tutti quei maiali della chiesa! Un’altra tradizione popolare in questo periodo è l’Intreccio della Befana o “Torta dei Re Magi” Le tre piccole forme rappresentano l’oro, l’argento ̶ il bambino Gesù stesso!–e in mezzo a loro siede una vecchia donna che porta doni specificamente adattati ai desideri dei bambini: monete di cioccolato al latte avvolte in modo carino all’interno

Ecco quali sono le più note tradizioni natalizie italiane. Una top 3 super famosa!

  • Tradizioni culinarie: panettone e pandoro
  • Presepe
  • Albero di Natale

Si tratta di tradizioni natalizie che raccontano storie che hanno a che fare con il mondo del Natale.

L’Italia è un paese pieno di tradizioni natalizie, e queste sono alcune che raccontano storie del mondo del Natale in Italia. La prima tradizione narra di ciò che accadde quando San Nicola venne a visitare Gesù Bambino con i suoi genitori sotto il loro latte: lasciò un panno odoroso per lui in modo che il piccolo figlio potesse essere fasciato mentre giaceva sulla terra fino a quando il tempo della nascita era vicino alla fine; poi arriva Babbo Natale che fa animare tutti i tipi di giocattoli al calar della notte poi li lascia dove i bambini li trovano senza alcun aiuto o rumore da parte sua che simboleggia la consegna dei regali in buone mani mentre aspetta pazientemente!

Tutto ciò che caratterizza questo periodo dell’anno fa in modo che si crei una sorta di alone festoso e gioioso che sprizzi da ogni dove. Sicuramente, quasi tutte le usanze che consideriamo italiane hanno subito influenze da altri paesi, ma oggi le consideriamo un po’ come nostre.

Tradizioni natalizie italiane: quali le più diffuse?

Tradizioni culinarie

Tradizioni natalizie italiane:

Sicuramente il panettone e il pandoro sono di origine italiana.

La tradizione italiana del panettone e del pandoro risale al 14° secolo.
Gli italiani sono ben noti per il loro amore per il pane, che è forse uno dei motivi per cui i panettoni sono stati inizialmente cotti in pentole di argilla prima di essere cotti su un fuoco aperto più tardi nel corso della storia, quando sono stati influenzati da diverse culture come la cucina francese, dove i dolci hanno tipicamente una percentuale più alta di grasso di burro dovuta in gran parte all’uso di panna invece di oli vegetali durante la preparazione.

Si tratta di due dolci tipici nostrani che vestono ogni tavola imbandita durante il periodo natalizio. Il panettone proviene del nord Italia, probabilmente da Milano. Il suo nome deriverebbe dall’espressione Pan dei Toni, un giovane che durante il cenone di Natale aveva condito del pane con dell’uvetta passa così da dar vita ad un nuovo dolce. Il pandoro invece sembra avere origini veneziane. Il suo nome proviene dal color oro delle uova utilizzate per realizzare questo soffice dolce natalizio.

Il presepe

Tradizioni natalizie italiane

Il presepe è un’altra tradizione natalizia molto famosa.

Una delle tradizioni natalizie più famose è il presepe. I bellissimi presepi sono creati per commemorare e celebrare la nascita di Gesù a Betlemme, così come altri aspetti importanti di questa stagione festiva, come il fare regali tra amici o membri della famiglia che potrebbero non essere più insieme durante queste feste perché vivono lontani, come i nonni che vivono ai lati opposti dell’America con i nipoti che vivono oltreoceano, mentre tutti gli altri vivono vicini ma separati – e proprio quando pensiamo che le cose non potrebbero diventare più significative, avviene una trasformazione angelica!

Si tratta della rappresentazione della natività. Inizialmente figurata solo dal bambinello, Maria, San Giuseppe, il bue l’asinello e la grotta. Successivamente sono stati i napoletani ad arricchire tale tradizione realizzando i pastori e dando loro una collocazione specifica all’interno del villaggio.

Ogni casa in Italia vanta il proprio Presepe – potrebbe adornare il vostro camino come il mio o stare orgogliosamente come decorazione sulla mensola in alto; non importa quale forma prendano, ci sono poche decorazioni più care di questa umile ma significativa tradizione osservata tutto l’anno da coloro che apprezzano quanto significato possa venire fuori solo guardando qualcosa di abbastanza semplice.

Questo può essere rappresentato in svariati modi, ma in ogni caso porta con sé un forte valore tradizionalista.

L’albero di Natale tra le tradizioni natalizie italiane

L’origine dell’abete di Natale non è affatto italiana, ma ad oggi è sicuramente una tradizione che portiamo con noi. Infatti, viene dalla Russia e dalla Norvegia, dove è conosciuto come Abete di Nordmann o Norgesom in breve. Ogni salotto ospita durante il periodo natalizio un grosso abete, vero o finto che sia, addobbato alla perfezione. Si tratta di una vera e propria usanza. Generalmente esso viene allestito agli inizi di Dicembre.

Tutta la famiglia si riunisce l’8 dicembre per mettere l’albero. È un giorno che segna la fine di un’epoca e l’inizio di un’altra, quando tutto è stato decorato con luci o altre decorazioni per renderlo più natalizio
Un’antica tradizione nella maggior parte delle famiglie è decorare i loro alberi di Natale durante questo mese in modo da poter godere di guardarli ogni sera prima di uscire in pubblico e salutare i vicini che potrebbero non vedersi per tutto l’anno.

Insomma, queste sono alcune delle tradizioni natalizie italiane più note, ma ogni famiglia e ogni regione porta con sé le proprie credenze e le proprie usanze.

Altre tradizioni natalizie italiane

Oltre al presepe, al classico cibo natalizio e all’allestimento dell’albero di Natale, quali sono le altre tradizioni natalizie italiane?

Oltre al presepe, altre tradizioni natalizie italiane includono l’appendere rami con luci colorate e ornamenti. C’è anche una pratica chiamata “Nduja grattugiata” dove le persone raschiano via pezzi di grasso che sono stati cucinati in carne di salsiccia piccante su fette di pane prima di immergerle in olio d’oliva e poi ricoprire il tutto con mozzarella per aggiungere sapore!

Ancora, alcune altre tradizioni natalizie italiane includono la visita alla statua del santo patrono e il posizionamento di candele votive o offerte in suo onore. Altre pratiche comuni in questo periodo dell’anno includono la condivisione di castagne arrostite su un fuoco aperto, bere vino speziato da piccole tazze chiamate calici (la parola deriva dal latino e significa piccoli bicchieri) mentre si cantano canzoni intorno a un tavolo con i membri della famiglia vicini – tutto prima di andare a letto!

Inoltre tra le tradizioni natalizie italiane non si può dimenticare quelle che riguardano i giorni di festeggiamenti in famiglia. Il cenone natalizio è una tra le più belle e sentite tradizioni natalizie italiane.

La tradizione italiana della cena di Natale è profondamente radicata nella storia.
Il primo riferimento registrato a questa festa fu da Papa Gregorio I che, intorno al 600 d.C., canonizzò un papa del IV secolo di nome Bonifacio IV come arcivescovo e santo il 16 dicembre per aver fornito pane durante le carestie causate da siccità o pestilenze tra le altre cose che molti cattolici credono abbia portato dopo tanti morti per fame erano eventi tragici.

Il Natale in Italia è tutto incentrato sulla gioiosa sensazione di stare con la famiglia. Una tradizione per celebrare questa festività, che molte persone aspettano con ansia ogni anno, include una sontuosa cena di Natale la sera, dove tutti si siedono intorno a un tavolo decorato in modo ornamentale e riempito di cibo e vino deliziosi, mentre cantano canzoni della loro infanzia o fanno giochi come la gara di succhiate di mirtilli rossi!


La celebrazione italiana conosciuta come il pranzo di natale (la festa di Santo Stefano) inizia subito dopo l’ora di pranzo, quando le famiglie iniziano a riunirsi per condividere un po’ di pasta carica di carboidrati insieme ad antipasti come i cracker immersi nella salsa di pesto fatta in casa; seguono diverse portate tra cui vari tipi di carne servita al sangue insieme a verdure cotte al dente….etc

E voi avete qualche tradizione particolare da condividere con noi?

Ti potrebbe interessare anche: Vigilia di Natale: come trascorrere il 24 Dicembre