Natale accesi presepe e albero di Natale ad Assisi

Presepe e albero di Natale ad Assisi sono una vera tradizione. Assisi è un luogo perfetto per sperimentare il Natale di Francesco. La Basilica della città, che fu affrescata da Giotto in epoca medievale (nel 1300), ora ha proiezioni sulla sua facciata che includono molte scene della vita e del ministero di Cristo, nonché eventi come la nascita di Gesù; Lazzaro che esce vivo dopo essere stato morto quattro giorni; Santa Conquista che predica contro il paganesimo e molto altro!

La spiritualità francescana è un mix affascinante di tradizione e modernità. Non si tratta di essere all’antica o alla moda, ma di trovare un equilibrio nella mia vita in cui posso vivere con entrambi gli elementi. In occasione dell’evento che si tiene l’8 dicembre ad Assisi ci sono alcuni elementi immancabili. Il presepe di Assisi, per questo motivo è diventato un luogo turistico popolare per la sua statua a grandezza naturale di un’infermiera angelica, che veglia sul bambino Gesù nella sua culla.

In particolare, in seguito all’emergenza covid 19, l’evento ha avuto una risonanza particolare, e la statua dell’infermiera si è ben orientata nel discorso posto da Papa Francesco, che ha ringraziato gli eroi della pandemia. L’evento tenutosi l’8 dicembre 2020 ha visto diversi protagonisti. Presenti tra gli altri: il Cardinale Mauro Gambetti, il Custode del Sacro Convento di Assisi, fra Marco Moroni, la Sindaca Assisi, Stefania Proietti, e tra loro anche Gianni Morandi che ha cantato “Bianco Natale”.

Durante l’omelia il Cardinale Cambetti ha sottolineato che: «noi siamo fatti per generare vita… Non possiamo restare timidamente chiusi nelle sacrestie o continuare a ripetere le solite cose; né possiamo preoccuparci di farci accettare da tutti, di raccogliere consensi, di non ricevere troppe critiche e di non perdere qualche privilegio… Per cui, è ovvio che è irrazionale stare ad aspettare che passi la piaga del Covid per ricominciare tutto come prima; questa piaga ci chiede di attivarci per cambiare stile di vita, per uscire dalla schiavitù dell’attuale sistema economico e rientrare nella via che conduce al Paradiso, la via della fraternità, dell’amore reciproco».

Presepe e albero di Natale di Assisi accesi per l’evento

Ecco che durante l’evento dedicato alla spiritualità Francescana si accendono il presepe e albero di Natale più famosi di Assisi. In particolare, alle 18.30 si è tenuta la cerimonia di accensione di presepe e albero di Natale.

Assisi, un luogo in Italia dove molte persone vengono a pregare e a vedere il presepe. Le piazze della città sono piene di vita; sarà come Betlemme quando nacque Gesù.


Assissis ha due chiese principali: La chiesa di San Damiano che ospita oggetti originali dell’apostolo Tommaso e altri miracoli come l’opera “Deposizione” di Luca del Brica (1472); la chiesa di San Francesco chiamata anche “La Tenda d’Argento” Quest’ultimo edificio copre affreschi del 18° secolo che raffigurano eventi che portano alla nascita di Cristo, compresi quelli che mostrano Adamo ed Eva che mangiano il frutto proibito sull’albero della conoscenza.

La Basilica di San Francesco ad Assisi, Italia e la Cattedrale di Rufino sono entrambe famose per la loro impressionante architettura. Non si direbbe mai che queste strutture siano state erette secoli fa, visto quanto bene si presentano oggi!

Per aggiungere a questo miracolo di conservazione della robustezza, arriva un progetto innovativo dell’architetto Marco Capasso che ha creato statue a grandezza naturale sulle facciate che replicano alcuni iconici affreschi fatti da Giotto più di 500 anni fa, quando era ancora un apprendista; dando così agli appassionati che visitano questi siti religiosi qualcosa di nuovo ma familiare ad ogni passo, fornendo anche una visione di come potrebbe essere stato durante il suo periodo di tempo, quando sperimentava diversi stili.

Presepe e albero di Natale di Assisi

Ecco allora che presepe e albero di Natale si inscrivono alla perfezione in questo contesto.

Il presepe di Assisi è composto da 50 pastori che rappresentano due diverse Natività. La prima, la Natività di Betlemme con la sua stella che guida i saggi da lontano; e rappresenta anche l’Annunciazione di Maria quando un angelo le annuncia la nascita di Gesù (Matteo 1:20)
Il secondo presepe raffigurato all’interno di queste pietre si trova all’esterno della Basilica di San Francesco a mezzanotte e raffigura San Francesco a cui gli angeli mostrano il cielo – il che significa che avrà la pace anche senza di essa qui sulla Terra.

L’albero di Natale invece è l’albero simbolo dell’evento dedicato a San Francesco.

L’enorme albero di Natale, installato nella piazza inferiore della Basilica di San Francesco, è un abete bianco di 13 metri ed è stato donato dal Dipartimento Agricoltura e Foreste della provincia autonoma di Trento.
Il simbolo perfetto per celebrare questo periodo in cui le famiglie possono riunirsi di nuovo dopo tutti questi anni in cui le nostre vite sono state strappate perché erano state lontane dalle loro case o le hanno perse a causa di qualche tragedia come un terremoto che ci separa solo temporaneamente prima di ritrovarsi con speranza rinnovata grazie anche a doni intesi come offerta di pace invece di armi usate contro noi stessi E non dimenticando lì di gioie collegate.

Il progetto “Natale di Francesco”

Presepe e albero di Natale di Assisi sono i simboli di questo evento

Il progetto “Il Natale di Francesco” mira a riportare il vero significato nei nostri Natali moderni.
La nostra cultura spesso sostituisce quella che dovrebbe essere considerata una festa religiosa con regali e celebrazioni che hanno poca relazione o somiglianza nella fede tradizionale per coloro che non celebrano questo evento come il loro giorno più sacro durante il 25 dicembre; tuttavia non c’è bisogno di tale disordine quando invece ci si può concentrare esclusivamente sulla famiglia! Questa idea è stata portata avanti dal cantautore Frank G Centineri Jr, dove parla di come “l’umanità ha perso il contatto” Per rimediare a queste circostanze attraverso la musica in modo che la gente si ricordi perché originariamente si festeggiava a tutti.

In occasione del progetto:

Sulla facciata della basilica verrà proiettata un’immagine simbolica che celebra il Natale, e in particolare il suo significato religioso: La storia della Natività.
Menzionare la “Natività” ci ricorda come questo evento sia avvenuto in un periodo in cui non c’erano luci elettriche e la gente poteva vedere solo le stelle di notte; quindi doveva simboleggiare qualcosa di speciale come la luce/spiritualità divina che brilla attraverso l’oscurità.

Assisi ha una lunga e ricca storia. Per festeggiare, la città si trasformerà in un presepe immaginario con colori speciali che illuminano alcuni edifici simbolo del suo passato: La Basilica di Santa Chiara in rosso assisiate; il Castello di Francesco d’Assisi Rocca Maggiore dove nacque prima di essere castrato all’età di 29 anni dal loroJoin noi il 16 dicembre per vedere questa bella storia prendere vita!

Tutto ciò è ben rappresentato dai simboli di presepe e albero di Natale di Assisi. Presepe e albero di Natale di Assisi si accenderanno in occasione di questo evento così altamente spirituale.

Il presepe e albero di Natale di Assisi si illumineranno in occasione di questo evento altamente spirituale. Si dice che lo stesso San Francesco venisse spesso a pregare in questi luoghi sacri, quindi non c’è da stupirsi che i residenti qui si sentano benedetti da tanta bellezza!

Ti potrebbe interessare anche: Messa di Natale