Home > Racconti, storie e rappresentazioni natalizie > La leggenda di Babushka: storia russa

La leggenda di Babushka: storia russa

Ogni paese ha le sue tradizioni e ciò riguarda anche il mondo del Natale. In Italia, come è ben noto il 25 Dicembre, secondo la nostrana leggenda Babbo Natale porta i doni ai bambini buoni con la sua slitta trainata da renne, e il 7 Gennaio giunge la befana. Secondo l’accezione religiosa, questa figura incarnerebbe quella di una vecchia donna che al tempo dei Re Magi condusse i Re presso la grotta del Bambino Gesù dopo essersi pentita di non aver offerto loro aiuto. In ogni caso, queste sono le storie che generazione dopo generazione hanno accompagnato i piccoli. In altre parti del mondo non vi sono le medesime convenzioni legate al periodo natalizio. Ad esempio in Russia si narra una storia: la leggenda di Babushka, secondo la quale, è una donna anziana a portare i regali ai bambini il giorno del 7 Gennaio. Tale leggenda sembra avere molti punti in comune con le storie che si celerebbero dietro la figura della nostra Befana.

La leggenda di Babushka: la tradizione russa

La storia narra della vicenda di una vecchia donna, Babushka, che viveva la sua vita ordinando la sua capanna e preoccupandosi solo ed esclusivamente di garantire pulizia ed essa. Tale donna era famosa in tutto il villaggio per le sue eccellenti abilità di massaia, tanto è vero che non si parlava d’altro che di quanto fosse brava nel cucinare, lavare e ordinare. Il suo giardino era impeccabile e non di meno era la sua casa.

la leggenda di babushka

Ciò che in tanti non sapevano era ciò che si celava dietro il desiderio costante della donna di tenere sempre tutto ordinato. Questa aveva perso il suo unico figlio e mascherava così il dolore, facendo pulizie senza sosta.

Una notte di freddo inverno dei pastori bussarono alla porta dell’anziana signora, Le chiesero un posto dove poter riposare e qualcosa da mangiare. La donna li accolse e chiese loro dove si stavano dirigendo durante un giorno così freddo. I pastori allora iniziarono a raccontare che stavano seguendo una stella che li avrebbe guidati alla grotta dove era nato un bambino speciale e che, se lei avesse voluto, avrebbe potuto seguirli portando con sé un dono per il piccolo.

Il rifiuto della donna

Sentendo parlare di bambini alla vecchia signora si strinse il cuore. Lei non voleva affatto far riaffiorare nella sua mente tristi ricordi, e neanche voleva porgere al neonato un dono appartenuto al suo piccolo defunto. Fu così che rifiutò l’invito.

La notte successiva giunsero altrettanti pastori che invitarono Babushka a seguirli alla volta della grotta del neonato ma la donna rifiutò ancora. Dopo poco però iniziò a riflettere e decise così di tirar fuori i giocattoli del suo piccolo bambino defunto e portarli in dono al bambino speciale che era venuto alla luce a Betlemme.

Dopo aver lucidato per bene i vecchi giocattoli impolverati la donna uscì dalla sua capanna e andò alla ricerca dei pastori. Questi però non erano più per le strade.

Quando giunse presso la capanna del Bambino Gesù la trovò oramai vuota.

La leggenda narra che la donna sia ancora oggi alla ricerca dei pastori e del Bambino Gesù. Anno dopo anno, Babushka si aggira di casa in casa portando doni ai bambini.

Ti potrebbe interessare anche: Re Magi: chi sono? Storia e racconti d’Epifania

Veronica Balzano Ciao sono Veronica, Nata a Napoli nel 1995. Sin dall'infanzia ho sviluppato un forte interesse per tutto ciò che si può creare e realizzare dal nulla.Mi definisco una Content Creator e negli anni ho avuto modo di mettermi alla prova consolidando le mie abilità e conoscenze nel mondo della scrittura creativa, mio settore prediletto.L'amore per la scrittura mi ha portata a ricercare opportunità di lavoro come copywriter. Con il passare del tempo sono riuscita a definire i contorni della mia figura professionale impegnandomi in professioni che mi consentissero di sviluppare altrettante competenze per tutto ciò che concerne il discorso Seo.Passione e determinazione sono i mantra della mia vita. Tengo a fornire ogni volta la miglior versione di me stessa così che chi legge il mio lavoro possa ritenersi soddisfatto!