La leggenda di Babushka: storia russa

Babushka. Ogni paese ha le sue tradizioni e ciò riguarda anche il mondo del Natale.

Il Natale è un momento per celebrare la nascita di Gesù, ma ogni paese ha anche le sue tradizioni. In America è spesso associato ai regali e ai ringraziamenti, mentre in altre parti la gente festeggia con le funzioni religiose alla vigilia di Natale o visitando siti religiosi come gli alberi di Natale che vengono messi vicino alle chiese giorni prima di essere decorati.

Ogni paese ha le sue tradizioni e lo stesso vale per il mondo del Natale. In alcune regioni, è comune che la gente non solo celebri il compleanno di Gesù, ma anche il suo concepimento il 25 dicembre!
Molte cose possono cambiare quando si attraversano le frontiere in un’altra cultura, perché hanno le loro idee uniche su ciò che significa “Natale” – questo include il modo in cui navighiamo attraverso i nostri giorni per tutto il mese di dicembre fino al 6 gennaio.

In Italia, come è ben noto il 25 Dicembre, secondo la nostrana leggenda Babbo Natale porta i doni ai bambini buoni con la sua slitta trainata da renne, e il 7 Gennaio giunge la befana. Secondo l’accezione religiosa, questa figura incarnerebbe quella di una vecchia donna che al tempo dei Re Magi condusse i Re presso la grotta del Bambino Gesù dopo essersi pentita di non aver offerto loro aiuto.

A Natale, perché ritenete necessario comprare regali per i vostri figli?
Babushka ha portato con sé questa tradizione dalla Russia. Dice che c’è stato un tempo in cui avrebbe potuto prevedere quali sarebbero stati i loro bisogni leggendo un ritratto astrologico di loro disegnato dal vivo durante il parto; tuttavia ora essendo vecchia e non sapendo più quanto spesso quelle previsioni si rivelano accurate rende impossibile indovinare, così invece porta solo qualcosa che sono sicuri di amare, non importa chi viene preso a caso da internet o se il suo abbigliamento perché onestamente i bambini in questi giorni sanno.

In ogni caso, queste sono le storie che generazione dopo generazione hanno accompagnato i piccoli. In altre parti del mondo non vi sono le medesime convenzioni legate al periodo natalizio. Ad esempio in Russia si narra una storia: la leggenda di Babushka, secondo la quale, è una donna anziana a portare i regali ai bambini il giorno del 7 Gennaio.

Tale leggenda sembra avere molti punti in comune con le storie che si celerebbero dietro la figura della nostra Befana.

La leggenda di Babushka: la tradizione russa

La storia narra della vicenda di una vecchia donna, Babushka, che viveva la sua vita ordinando la sua capanna e preoccupandosi solo ed esclusivamente di garantire pulizia ed essa. Tale donna era famosa in tutto il villaggio per le sue eccellenti abilità di massaia, tanto è vero che non si parlava d’altro che di quanto fosse brava nel cucinare, lavare e ordinare. Il suo giardino era impeccabile e non di meno era la sua casa.

Ciò che in tanti non sapevano era ciò che si celava dietro il desiderio costante della donna di tenere sempre tutto ordinato. Questa aveva perso il suo unico figlio e mascherava così il dolore, facendo pulizie senza sosta.

Una notte di freddo inverno dei pastori bussarono alla porta dell’anziana signora, Le chiesero un posto dove poter riposare e qualcosa da mangiare. La donna li accolse e chiese loro dove si stavano dirigendo durante un giorno così freddo. I pastori allora iniziarono a raccontare che stavano seguendo una stella che li avrebbe guidati alla grotta dove era nato un bambino speciale e che, se lei avesse voluto, avrebbe potuto seguirli portando con sé un dono per il piccolo.

Il rifiuto della donna

Sentendo parlare di bambini alla vecchia signora si strinse il cuore. Lei non voleva affatto far riaffiorare nella sua mente tristi ricordi, e neanche voleva porgere al neonato un dono appartenuto al suo piccolo defunto. Fu così che rifiutò l’invito.

La notte successiva giunsero altrettanti pastori che invitarono Babushka a seguirli alla volta della grotta del neonato ma la donna rifiutò ancora. Dopo poco però iniziò a riflettere e decise così di tirar fuori i giocattoli del suo piccolo bambino defunto e portarli in dono al bambino speciale che era venuto alla luce a Betlemme.

Dopo aver lucidato per bene i vecchi giocattoli impolverati la donna uscì dalla sua capanna e andò alla ricerca dei pastori. Questi però non erano più per le strade.

Quando giunse presso la capanna del Bambino Gesù la trovò oramai vuota.

La leggenda narra che la donna sia ancora oggi alla ricerca dei pastori e del Bambino Gesù. Anno dopo anno, Babushka si aggira di casa in casa portando doni ai bambini.

Babushka e le streghe

La leggenda della Babushka ha molto in comune con le leggende delle streghe. Entrambe sono associate alla vecchiaia e alla saggezza, ma possono anche portare una connotazione negativa a causa della cattiveria femminile o della dispettosità quando non vengono trattate correttamente

Le storie di “Babyshkas” raccontano tutte di come sono state maltrattate da qualcuno che non avrebbe dovuto essere troppo duro con creature così fragili – proprio come molti altri racconti che coinvolgono le Streghe! Come molte altre leggende, la leggenda della Babushka è intrisa di superstizione. La pratica della caccia alle streghe in Russia risale a secoli fa e continua ancora oggi, con nuovi programmi su come cacciarle al meglio ogni anno!

La storia racconta che queste donne viaggerebbero di notte attraverso i villaggi con l’aspetto di nient’altro che un’anziana donna che indossa un foulard – ma non fatevi ingannare perché si dice che possano lanciare incantesimi su di voi se sorprese da sole al vostro fianco abbastanza a lungo.

“Caccia alle streghe” è un termine che deriva dai processi alle streghe nella prima America, dove le persone accusate di essere streghe venivano giustiziate.


La parola “strega” è stata usata come un insulto a volte, ma in generale il consenso generale ora sembra essere contro tali pratiche con molte organizzazioni che combattono e si assicurano che i loro dipendenti non siano essi stessi vittime trasformandoli in qualcosa di terribile come quello che è successo durante quei vecchi tempi quando tutte queste cosiddette “streghe” hanno avuto le dita tagliate o bruciate vive perché hanno scelto di non credere nel cristianesimo che ha causato questo tumulto tra i cristiani che non volevano altro che sradicare qualsiasi forma di religione al di fuori della tradizionale.

Ci sono molte storie sul perché le bambole babushka erano considerate una forma di strega. Una spiegazione è che alcune persone pensavano che assomigliassero a donne vecchie e verrucose con lunghi capelli arruffati e profonde rughe che coprivano i loro volti; questo può sembrarti sciocco, ma sarebbe stato piuttosto spaventoso all’epoca!

Ti potrebbe interessare anche: Re Magi: chi sono? Storia e racconti d’Epifania